Prossimi Eventi!!

Tutti i martedì alle 17,30 – Ecomercato!

ecomercato

 ecomercatotnt@gmail.com

Per costruire insieme un appuntamento fisso dove la campagna genuina incontra la città, dove conoscere i produttori, le loro storie e la loro passione, dove pensare un’economia diversa, semplice, condivisa e saporita!

Verdure e frutta di stagione, pane e prodotti da forno, confetture di ogni tipo, conserve, seitan, tofu e prodotti vegan, spezie, pasticceria vegan, farine, ceci e farro, saponi naturali, mieli aromatici, artigianato rurale, libri e usato

 SABATO 28 NOVEMBRE

K-X-P + IOIO IN CONCERTO

28 nov

SCA TNT presenta:

K-X-P (Finland, Smalltown Supersound)
IOIOI (An)
in concerto

h23
sabato 28 novembre
sca TNT – Jesi
via Gallodoro 68ter

K-X-P
“Una sintesi perfetta tra le mirrorball da discoteca e lo skull drinking”
Space rock esoterico da Helsinki, Finlandia. I K-X-P mischiano elettronica, kraut, noise, melodie pop e anche techno in un grove ipnotico e minimalista con riferimenti a band come Spacemen 3, vangelis, Mr Fingers, This Heat, 23 Skidoo, Suicide a Neu
http://k-x-p.bandcamp.com/
IOIOI
Il nome IOIOI viene adottato da Cristiana Fraticelli come pseudonimo in seguito ad una serata passata a fare giochi di parole con un gruppo di amici giapponesi. Questo palindromo che non ha nessun significato nella lingua Italiana, è foneticamente simile ad una sorta di esortazione in lingua nipponica che equivale più o meno a “dai, dai Eh!”. Parlando di questo nome la Fraticelli spiega che “La mente umana conosce solo la dualità, definisce il senso per contrari e contraddizioni. Oscilla continuamente fra i due opposti, senza risoluzione. In questa follia la mente parla a se stessa attribuendosi l’ io. Nel nome IOIOI Al centro dei due io speculari (io-oi) c’è una I che puoi leggere come eye (occhio), o come i (io) o come ai (in giapponese amore).
Il suono di IOIOI è composto da una miscela di pop astratto, improvvisazioni chitarristiche e sperimentazioni sonore eseguite con un laptop.
Il primo disco uscì per la Ebria Records nel 2005. Mentre il terzo, Sleeping: Awaken Visions uscì nel 2010 per la finlandese Ikuisuus.

evento:  https://www.facebook.com/events/1510203325958574/

28 NOV

Venerdì 18 dicembre ore 21,00

 Presentazione del libro “I matti del duce”

Responsive image

Manicomi e repressione politica nell’Italia fascista

Mania politica, schizofrenia, paranoia, isterismo, distimia, depressione. Sono queste le diagnosi che compaiono nei documenti di polizia o nelle cartelle cliniche intestate agli oppositori politici rinchiusi in manicomio negli anni del fascismo. Diagnosi più che sufficienti a motivare la segregazione per lunghi anni o per tutta la vita. Quali ragioni medico scientifiche hanno giustificato il loro internamento psichiatrico? Quali, invece, le ragioni dettate dalla politica del regime contro il dissenso e l’anticonformismo sociale? Molto si è scritto rispetto all’esperienza degli antifascisti in carcere o al confino, ma la possibilità che il regime abbia utilizzato anche l’internamento psichiatrico come strumento di repressione politica resta ancora poco indagata. Attraverso carte di polizia e giudiziarie, testimonianze e relazioni mediche e psichiatriche contenute nelle cartelle cliniche, Matteo Petracci ricostruisce i diversi percorsi che hanno condotto gli antifascisti in manicomio. Alcuni furono ricoverati d’urgenza secondo le procedure previste dalla legge del 1904 sui manicomi e gli alienati; altri vennero internati ai fini dell’osservazione psichiatrica giudiziaria o come misura di sicurezza; altri ancora furono trasferiti in manicomio quando già si trovavano in carcere e al confino. Dall’analisi degli intrecci tra ragioni politiche e ragioni di ordine medico emerge con forza il ruolo giocato dalla sovrapposizione tra scienza e politica nella segregazione di centinaia di donne e di uomini, tutti accomunati dall’essere stati schedati come oppositori del fascismo.

Matteo Petracci è dottore di ricerca in Storia, politica e istituzioni dell’area euro-mediterranea nell’età contemporanea presso l’Università di Macerata. Ha pubblicato Pochissimi inevitabili bastardi. L’opposizione dei maceratesi al fascismo (il lavoro editoriale, 2009).

 Sabato 19 dicembre –  Uochi Toki

19 dic

Evento:https://www.facebook.com/events/1501024040222021/

 A breve maggiori informazioni

 Martedì 22 dicembre

DON VITO no(isy) wave da Leipzig, Deutschland + PANZER live al TNT

22 dic

sca TNT presenta:

DON VITO noise now wave da Leipzig, Deutschland
PANZER spaghetti speedcore da Jesi / Filottrano

in concerto
martedì 22 dicembre h.22 allo
sca TNT – Jesi
via Gallodoro 68ter

DON VITO
Non molte band riescono a fare un così forte chiasso con una tale creatività e rifiutandosi di usare i tradizionali strumenti del rock in modo tradizionale. Gli improvvisi cambi di tempo, i giocosi rotolii di batteria e le appassionate urla lasciano elettrizzati e senza fiato. Un dispetto per le orecchie, velocità e montagne russe a base di metallo nella brillantezza di canzoni da 50 secondi.
Attivi da più di dieci anni e con una piccola slavina di dischi alle spalle i Don Vito si possono considerare dei veterani del noiserock europeo..

PANZER
spaghetti speedrock da Filottrà
https://panzerspeedrock.bandcamp.com/track/no-sympathy-for-the-maniac

 Evento: https://www.facebook.com/events/1072375646108254/

Venerdì 15 gennaio

Mark Sultan (BBQ, The King Khan / Sub Pop, In The Red, Bomp!) garage one man show live allo sca TNT

15 gen

Mark Sultan – Avete già sentito questo nome?
Metà di King Khan & BBQ Show
BBQ one man band
Cantante/chitarrista dei Mind Controls
Batterista/cantante dei Les Sexareenos
Cantante dei The Spaceshits
Ha collaborato con The Deadly Snakes, Jack Oblivian and The Demon’s Claws. Tesoriere dei Death Cult (insieme a Khan, the Demon’s Claws, The Black Lips, The Spits and The Gris Gris).
Ha girato il mondo svariate volte come vagabondo musicale.
Vi suona familiare?
Lo hanno definito nei modi più disparati, “il Gerry Roslie di oggi”, “un visionario con la voce da angelo”, “un vero e proprio eroe del rock ‘n’ roll”.
Il suo primo album come Mark Sultan, “The Sultanic Verses”, uscito per In The Red, è la conferma che Mark è uno dei migliori cantautori del rock ‘n’ roll mondiale, ma allo stesso tempo espande il suo repertorio gettando sperimentazione, psichedelia e punk rock dentro la sua personale miscela di garage, RnB, soul e VERO rock ‘n’ roll.
Fan di The Velvet Underground, The Falcons, The Saints, Brian Eno, Eddie Cochran, The Human Expression, Phil Spector, Buddy Holly gioite. Nessuno lo sa fare bene come Mark Sultan. UN VERO KILLER.

http://intheredrecords.com/collections/mark-sultan
https://marksultanbbq.bandcamp.com/

 Evento: https://www.facebook.com/events/1770943446466186/

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...