Givedì 14 maggio – 2° web-assemblea pubblica Antenna dei Diritti Jesi e Vallesina

https://www.facebook.com/events/806201809905850/

L’Antenna Dei Diritti ha deciso di riconvocarsi per un secondo incontro GIOVEDI’ 14 MAGGIO alle 19.15, sempre in modalità ON LINE, mettendo a disposizione una piattaforma di cui si è dotata per favorire il confronto tra gli abitanti del territorio della Vallesina, fintanto che le limitazioni agli spostamenti permarranno.

È intenzione, per l’incontro futuro, individuare sul terreno operativo sia le modalità organizzative dell’Antenna dei Diritti, sia le primarie coordinate di intervento, muovendo dalle problematicità che ognuno, in quanto soggetto inserito in un determinato contesto sociale, abitativo e lavorativo, rileva e socializza con gli altri. Attraverso questa prima fase di consultazione e confronto organizzati è possibile elaborare proposte condivise di attivazione sociale e rendere concreto quel ripensamento profondo del sistema comunitario a cui si lega l’effettiva possibilità di uscire dall’emergenza con un processo di emancipazione sociale, anziché con l’arretramento dei diritti e delle garanzie fondamentali.

COME PARTECIPARE all’assemblea via web:
Scarica il programma/applicazione Adobe Connect e accedi tramite il link che verrà pubblicato nell’evento.
Dalle 18.30 di Giovedì sarà possibile collegarsi per effettuare prove tecniche.

—————————————————————————–

Il REPORT della prima assemblea:

In questo periodo in cui ci viene imposta una condizione straordinaria di “distanziamento sociale”, c’è chi ha provato a ritrovarsi, confrontarsi, riparlarsi, incontrarsi di nuovo.
L’Antenna dei Diritti è nata con l’intenzione di costruire uno spazio in cui sia possibile comunicare, scambiare, conoscere e mettere in comune, bisogni e istanze che emergono dal sociale.
L’Antenna, per sua natura, può ricevere e può emettere segnali: questo è ciò che è avvenuto nella prima assemblea “virtuale” del 24 Aprile scorso. L’ ampia partecipazione – proveniente dalla città di Jesi, ma anche da tanti altri paesi del circondario (Staffolo, Arcevia, Mergo, Morro d’Alba, …) – ha dimostrato che il territorio della Vallesina rappresenta un contesto unico e integrato, che condivide le stesse problematiche.
Dai tanti e diversi interventi che si sono succeduti, è stato possibile individuare una sorta di quadrilatero i cui lati compongono l’immagine complessa delle contraddizioni di questo difficile periodo, contemporaneamente proiezione di linee di crisi e opportunità di trasformazione e cambiamento:
– Il lato SANITARIO.
Il sistema Marchigiano di gestione integrata Pubblico-Privato, ha mostrato tutte le sue gravi lacune. Fondamentale è ripensare alla riorganizzazione del servizio in funzione di un immediato rovesciamento dei processi di privatizzazione a vantaggio di un rilancio della dimensione pubblica della sanità e di un modello che valorizza la diffusione orizzontale e territoriale dell’assistenza sanitaria. Sono emerse inoltre tutte le criticità riferite a quelle figure più fragili del sociale, alle disabilità, alle povertà, ai migranti, alle marginalità che più stanno soffrendo e pagando i costi di questa crisi.
– Il Lato ECONOMICO.
La situazione economica è una delle maggiori preoccupazioni emerse. La pesantezza di questa fase non fa pensare ad un suo superamento nella prevista “Fase 2”. Anzi, comune è la sensazione che potrebbe esserci un peggioramento senza un intervento concreto da parte delle Istituzioni. In molti si sono chiesti quali interventi potrebbero essere assunti dalle Amministrazioni locali.
– Il Lato delle LIBERTA’.
Il tema delicato del rapporto tra libertà individuali e collettive è stato toccato più volte, evidenziando le sfasature tra lo stato di necessità reale e lo stato di emergenza all’interno del quale le nostre libertà vengono pesantemente menomate. Per garantire la razionalità delle misure che vengono adottate ed il loro rapporto diretto con le necessità di profilassi e di contenimento del contagio è necessario un protagonismo ed un controllo dal basso, da parte delle persone che vivono sul territorio e che ne conoscono le effettive criticità e problematiche. Dove l’emergenza delle misure si separa dalla necessità, si producono processi che violano i diritti e le libertà fondamentali in funzione di un controllo sociale fine a sé stesso. In molti si sono chiesti quale potrà essere il margine di decisionalità dell’Ente locale nel declinare le direttive nazionali sulle reali esigenze e condizioni del nostro territorio.
– Il Lato della DEMOCRAZIA.
È stato questo il fondo comune di tutti gli interventi. Il problema di decisioni spesso incomprensibili calate dall’alto, l’assenza totale di momenti e luoghi di partecipazione alle decisioni, la mancanza di sufficienti informazioni. È emerso con chiarezza che le persone si sentono considerate solo in quanto corpi organici, incapaci di prendere consapevolezza ed esprimersi su cosa deve essere fatto o non fatto nella città in cui vivono. Questo, forse, il punto in cui si intravede il rischio maggiore per il nostro futuro: la chiusura di spazi di decisionalità collettiva e partecipata.

—————————————————————————–

Perché costruire un’Antenna Dei Diritti?
– Per individuare ed affrontare i bisogni che emergono dai quartieri e le possibili risposte;
– Per progettare le forme di solidarietà organizzata che possono essere messe in campo;
– Per confrontarci sugli strumenti territoriali di garanzia del reddito e di tutela dei settori sociali colpiti dalla crisi;
– Per esercitare un controllo dal basso sulle misure che vengono applicate e sulle modalità di applicazione delle stesse, segnalando gli abusi, le incongruenze, le prassi che devono essere modificate e le possibili alternative;
– Per riaffermare la centralità dei diritti fondamentali della persona ed una visione che individua nell’autorganizzazione sociale e non nella militarizzazione delle città la principale risorsa per la costruzione di risposte comuni e condivise.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...