Venezia 8 Marzo – Trivelle zero marche contro le grandi opere

8 marzVenezia – 8 Marzo mobilitazione No Tav, No Mose, No grandi naviIn occasione del vertice bilaterale Italia-Francia i comitati contro le grandi opere si mobilitano contro la devastazione e saccheggio dei territori. Prima tappa 29 Febbraio – Assemblea cittadina

facebook event: https://www.facebook.com/events/153581175030447/

I movimenti contro le grandi opere assediano il vertice Renzi-Hollande. Battaglia navale a Venezia

Cronaca multimediale della giornata

8 / 3 / 2016

Renzi e Hollande, insieme ad un entourage che conta una ventina di ministri, si sono incontrati oggi a Palazzo Ducale in una Venezia blindata. Zona rossa e negozi chiusi, monumenti e campi presidiati da forze dell’ordine e militari a proteggere coloro che discutono di Grandi Opere (nella fattispecie la tratta TAV Torino-Lione), del prossimo intervento militare in terra libica e di quei muri e quelle barriere che ogni giorno migliaia di donne e uomini incontrano sulla loro strada verso l’Europa, sulla Balkan Route o tra le onde del Mediterraneo.

Una giornata importante per tutti i comitati che da anni si battono per la salvaguardia dei territori, contro l’imposizione di grandi opere atte solo ad alimentare la corruzione e la speculazione. Per questo motivo i comitati No Tav della Val di Susa insieme al Comitato No Grandi Navi di Venezia si sono trovati oggi in piazza, e al loro appello alla mobilitazione hanno risposto in molti, dalla Campagna nazionale Stop Devastazione e Saccheggio, ai comitati Trivelle Zero delle Marche, Stop Biocidio di Napoli nonché tutta la costellazione di comitati attivi nel Nord Est. Presenti anche gli studenti medi che hanno indetto una giornata di sciopero perchè si dia un cambio di rotta nel modello di sviluppo di un pianeta che sarà “consegnato” ai più giovani, i centri sociali del Nord Est con uno striscione che recita “No Grandi Opere , No War, No Borders”. Tanti i No dal Molin da Vicenza, con uno striscione che invita al presidio contro la guerra in Libia, che si terrà nella città berica sabato 12 marzo.
Una giornata in cui tanti e tante hanno ribadito che non si può decidere sulle spalle dei cittadini – sui territori – sulle vite di migliaia di persone, rinchiusi in palazzi presidiati. Fin dai primi interventi fatti al concentramento appare subito chiara l’intenzione dei manifestanti di fare una mobilitazione determinata, con un corteo “par tera e par mar” che dalla stazione S.Lucia arriverà fino al bacino di S.Marco.

ore 8,00: picchetti in tutte le scuole di Venezia. Gli studenti si muovono verso il concentramento

ore 10,00: inizia il concentramento in piazzale della stazione FS. Tantissimi i comitati territoriali della Val di Susa e del resto d’Italia

ore 10,45: Il corteo inizia a muoversi verso Palazzo Ducale, per terra e per mare. La giornata contro la devastazione e saccheggio dei nostri territori, contro la guerra e le grandi opere inutili è iniziata. Anche con la pioggia il corteo è molto numeroso. Comitato ambientali, studenti e movimenti hanno a contestare Renzi e Hollande.

ore 11,15: Il corteo acqueo affianca il corteo a terra. Si prosegue per le calli ed i canali di Venezia.

ore 11,25: Tanta gente si unisce al corteo nel percorso cittadino. Numerosissimo lo spezzone del Coordinamento degli Studenti Medi, venuti da tutto il Nord-Est per protestare contro la grandi opere che sottraggono soldi al welfare e agli investimenti sulla scuola pubblica.

ore 11,35: I cortei superano campo Santa Margherita. Un migliaio di persone proseguono, nonostante la pioggia, la contestazione a Renzi e Hollande contro il saccheggio dei territori.

ore 11,50: I cortei si muovono verso Punta della Dogana e si avvicinano al luogo dove si tiene il vertice Renzi-Hollande

ore 12,10: Polizia e guardia di finanza speronano i barchini che stanno provando ad avvicinarsi a Palazzo Ducale, sul limite della zona rossa. Vengo usati idranti sui manifestanti. Cori di sostegno da parte dei manifestanti a terra.

ore 12,30: Il corteo acqueo prova ad avvicinarsi di nuovo, ma le forze dell’ordine rispondono ancora con idranti. Continua il blocco del transito sul Canale della Giudecca.

ore 13,00: Continua l’assedio contro il vertice Renzi-Hollande

ore 13,25: I manifestanti continuano a violare la zona rossa, che dalle 13 è estesa a tutto il bacino di San Marco, con relativo divieto di navigazione. Ad una delle imbarcazioni, circondata dalle Forze dell’Ordine, è stato tranciato il timone.

ore 14,30: Venezia – il corteo è tornato a piazzale FS e si conclude una giornata di lotta memorabile, che ha visto un migliaio di persone da ogni parte d’Italia contestare, per terra e per mare, un vertice inter-governativo utile solo a rinsaldare gli interessi di chi devasta i territori, specula sulla guerra, respinge i migranti.

21 / 2 / 2016

Il prossimo 8 marzo – a Palazzo Ducale a Venezia – si terrà un vertice bilaterale Hollande/Renzi su temi vari ed in particolare il progetto Tav Torino – Lione.

Il movimento No Tav della Val di Susa ci invita alla mobilitazione dal sito notav.info: “… non ci resta che prepararci per dire ancora una volta no a questo progetto. L’8 marzo nella bella Venezia dove Renzi e Hollande, con il loro codazzo di ministri cercheranno una vetrina per esporre al mondo i loro disastri. Una grande opera inutile, un patto finanziario con le banche per strangolare i cittadini, una nuova frontiera per lasciare morire di guerra le persone, una nuova guerra e ancora molto altro di peggio. Aspettando la nefasta scaletta di appuntamenti anche noi ci prepareremo”.

Non possiamo che accogliere la proposta che ci viene dal Val di Susa e proporre a tutte le altre realtà del Veneto una giornata di mobilitazione generale, contro il modello di sviluppo caratterizzato dalle grandi opere inutili, dannose ed imposte.

A Venezia, città simbolo delle grandi opere – grandi bidoni, della grande retata contro la cricca del Mose che ha rubato e sperperato ben un miliardo di euro sui cinque che finora è costato il Mose, cercano la vetrina per stipulare altri accordi per il TAV in Val di Susa, opera invisa e osteggiata da trent’anni di lotte delle popolazioni della Valle.

Nella città dove nulla è cambiato dopo gli arresti del 4 giugno 2014, dove il commissariamento del Consorzio Venezia Nuova da parte dell’Autorità Anticorruzione, serve solo da “specchietto per le allodole” per continuare pervicacemente con un opera inutile, che ha già devastato la laguna, che non finirà mai e che probabilmente non funzionerà mai, visto che i Commissari non stanno neppure accertando le innumerevoli criticità sul funzionamento delle paratie segnalate da anni da scienziati e tecnici indipendenti e nonostante l’inchiesta della magistratura abbia segnalato come le mazzette servissero, appunto, non tanto per vincere gli appalti (il CVN ha la connessione unica), ma per far passare ad un progetto sbagliato i vagli, i controlli e ottenere  le autorizzazioni.   Una grande opera che, pur se dovesse funzionare si rivelerebbe inutile, di fronte ai cambiamenti climatici che provocheranno l’aumento del livello del mare.

Nella città dove un’altra grande opera si intende realizzare con lo scavo di un nuovo canale navigabile il Tresse – Nuovo per mantenere le grandi navi da crociera in Marittima senza farle passare per San Marco, quando esistono altri progetti che prevedono un nuovo terminale croceristico alla Bocca di Porto del Lido, fuori quindi dalla Laguna, salvaguardando i posti di lavoro, la salute degli abitanti e l’ambiente lagunare.

Un’altra grande opera per soddisfare gli appetiti dei soliti noti, della cricca affaristica e criminale che la retata storica del 4 giugno 2014 ha solo rallentato, ma non certo sradicato, visto che tutto sta continuando come prima, dopo aver cambiato i vertici e qualche nome, ma mantenendo sostanzialmente integro il “sistema”, sostituendo qualche  “mela marcia”, ma mantenendo integro “l’albero” del malaffare, insito in tutte le grandi opere inutili e imposte.

ASSEMBLEA CITTADINA

– con la partecipazione di una delegazione No Tav dalla Val di Susa –

LUNEDI’ 29 FEBBRAIO ALLE ORE 17.00 IN SALA SAN LEONARDO

per discutere assieme le forme della mobilitazione, pacifica, di massa e creativa.

Sabato 5 marzo in Val di Susa controvertice No Tav per info:

presidioeuropa.net

Comitato No Grandi Navi – Laguna Bene Comune

Associazione AmbienteVenezia

Medicina Democratica

 nograndiopere italia veneto venezia val di susa comunicati

 

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...