ExPost – Contributo dell’SPC all’indomani della manifestazione del 1 maggio a Milano

cropped-tnt-no-expo-2.jpg

ExPost

Contributo dell’SPC all’indomani della manifestazione del 1 maggio a Milano

4 / 5 / 2015

Partiamo dai numeri, non per mero calcolo statistico, ma perché rappresentano un elemento preziosissimo sul piano politico. Trentamila persone hanno manifestato contro il dispositivo Expo, contro i nuovi paradigmi di sfruttamento e finanziarizzazione della vita e dei territori, contro il modello di metropoli gentrificata ad uso e consumo del capitale, contro l’idea che a nutrire il Pianeta siano le multinazionali dell’agricoltura industriale.

Trentamila persone che esprimevano una composizione transnazionale ed eterogenea, che non si è fatta intimidire dal clima di terrore imposto sul “movimento No Expo” da governanti e stampa mainstream e dall’ondata repressiva scatenatasi nei giorni che hanno preceduto la manifestazione.

Trentamila persone non sono piovute dal cielo, che al massimo ci ha regalato oltre quattrocento lacrimogeni. Sono il frutto di un intenso lavoro che da anni è stato messo in piedi dalle realtà milanesi e che negli ultimi mesi è cresciuto di intensità, ha coinvolto tante realtà organizzate di movimento sia a livello nazionale che a livello europeo, costruendo un contesto all’interno del quale l’evento non è mai fine a sé stesso, ma parte di un processo che cresce nella pratica della democrazia dal basso.

Un lavoro che aumenta di valore, se lo collochiamo dentro l’oggettiva difficoltà che negli ultimi anni c’è stata in questo Paese, salvo rarissime eccezioni, di attivare un’opposizione sociale credibile, continuativa e di massa.

Come Spazio Politico Comune siamo stati parte attiva della mobilitazione milanese, articolata in diverse giornate e partita il 30 aprile con il corteo studentesco, costruendo lo spezzone “Scioperiamo Expo”. Lo abbiamo fatto insieme ad altre realtà organizzate di movimento italiane ed europee e soprattutto insieme a tanti precari, studenti, migranti e  working poors che hanno animato il percorso di avvicinamento alle giornate No Expo nelle varie città. Uno spezzone composto da circa 5.000 persone, all’interno del quale vi era una presenza internazionale, a dimostrazione del fatto che la dimensione europea dei movimenti e delle mobilitazioni sociali è un processo già in atto e che si sta sempre più consolidando. Proprio per questo lo spezzone “Scioperiamo Expo” ha deviato verso la sede italiana della Commissione Europea, perchè la UE ci affama, ci toglie diritti, umilia il lavoro e ha ridotto il Mediterraneo ad un cimitero.

L’obiettivo della Commissione Europea crea una continuità simbolica e materiale con la grande mobilitazione del 18 marzo a Francoforte, proseguendo quel percorso di destituzione dal basso della troika e di resistenza alle politiche di austerità. L’azione inoltre, nel modo in cui è stata costruita, attuata e gestita, dimostra che è possibile praticare forme di conflitto che sappiano parlare a tanti e tante, che siano leggibili, comprensibili, riproducibili e che agiscano per il comune e non contro di esso.tnt expo 3

Il problema delle pratiche, infatti, non è semplicisticamente riducibile al nodo “del conflitto e del consenso”. Il consenso è un concetto limitativo perchè descrive un’adesione esterna e rischia di ridursi ad una condivisione passiva. Il problema reale è quello del rapporto tra conflitto e legame sociale: una pratica degli obiettivi che non riesce a tradursi in una dinamica costituente di legame sociale non esprime alcun conflitto. Una pratica degli obiettivi che sacrifica a se stessa, alla propria visibilità ed alle proprie gratificazioni i legami sociali, il senso di reciproca appartenenza tra chi ha già maturato la scelta di scendere in piazza e chi ancora, per le mille variabili della propria esistenza, rimane chiuso nel suo appartamento gravato dallo sfratto o dal pignoramento, non solo non esprime alcun conflitto, ma si traduce in un ulteriore fattore di frammentazione sociale e marginalizzazione.

Nei luoghi fisici e politici che conquistiamo con le nostre pratiche di lotta, come è stato lo spezzone “Scioperiamo Expo” nel contesto della manifestazione milanese, la salvaguardia del legame sociale, la sua ricostruzione, la sua ricomposizione intorno al conflitto in atto costituisce non solo una priorità, ma la ragione stessa del nostro agire collettivo. Tutto ciò che dissocia consapevolmente  le pratiche degli obiettivi dal legame sociale non ci appartiene perchè non appartiene ad alcun processo rivoluzionario. La consunta retorica sulla rabbia sociale è oramai solo un argomento utile al grande circo mediatico che si alimenterà sempre di più delle “aree di sfogo” predeterminate ad hoc dalla polizia: d’altra parte l’utilizzo dei “circenses” in funzione del controllo sociale non è certo una delle novità renziane.

La differenza che intercorre tra chi vuole ricostruire legame sociale e chi, invece, individua nella sua rottura il proprio strumento di espressione, non è la differenza che intercorre tra buoni e cattivi, ma semplicemente la differenza tra ciò che cambia e ciò che conserva: una differenza incolmabile. Tutto il resto, sia che si parli di streghe o che si parli di fate, che si racconti di gnomi buoni o di folletti cattivi, non conta niente perchè si tratta solo di favole: possono essere raccontate per avere il ruolo del più duro tutore dell’ordine oppure quello del più fedele interprete di fantomatiche istanze insurrezionali, ma restano sempre favole che non hanno niente a che vedere con le drammatiche condizioni di vita di milioni di persone. Ed è su queste vite e con queste vite che vogliamo e dobbiamo agire, ricomponendo quelle lotte sociali che ci vedono protagonisti ogni giorno, dai nostri territori al cuore dell’Europa politica e finanziaria.

Spazio Politico Comune

tnt no expoVerso le giornate di mobilitazione No Expo

Il Primo Maggio a Milano verrà inaugurato EXPO: la vetrina internazionale del lavoro gratuito, della cementificazione selvaggia, degli appalti truccati, della speculazione finanziaria, del modello di alimentazione e di sostenibilità nociva e tossica.

EXPO simboleggia un modello di sfruttamento e di politiche fallimentari, che contrastiamo ogni giorno sui territori e nello spazio europeo.

Per questo vogliamo essere in tanti a Milano il primo maggio e partecipare alla NoEXPO Mayday, accogliendo l’appello della Rete Attitudine No EXPO e #scioperiamoexpo.

I Centri Sociali delle Marche organizzano la partecipazione.

Info:
Tel. 338/7313588
Mail: info@glomeda.org

Comunicato di partecipazione ed adesione dello Spazio Politico Comune alla No Expo Parade e alle “5 giornate di Milano”

 20 / 4 / 2015

Il Primo maggio a Milano verrà inaugurato EXPO 2015, l’Esposizione Universale dallo slogan “Nutrire il pianeta, energia per la vita“.

EXPO nell’immaginario collettivo è un’occasione, un appuntamento imperdibile, un evento di grande interesse e ricco di possibilità. EXPO inizierà senza avere concluso i lavori dei padiglioni fieristici, ma aprirà e tutti stanno incrociando le dita perché avvenga senza troppe brutte figure internazionali.

EXPO è cool e pop per molti. Ma non per noi. Perché? Dovremmo impegnarci fino in fondo per far sì che questa patina dorata lasci il posto all’essenza che si cela dietro ad essa e quindi alle ramificazioni profonde e malate che EXPO assume. Da oggi, dal primo maggio e per tutti i mesi successivi.

EXPO sarà la vetrina internazionale del lavoro gratuito, volontario e sottopagato, tramite l’accordo con i sindacati confederali e le deroghe al patto di stabilità, spingendo sulla campagna pubblicitaria di Manpower per reclutare “volontari” nelle scuole e nelle università soggiogati dall’economia della promessa e quindi “sacrifici oggi per un futuro migliore domani” (andando incontro, consapevoli o meno, al tradimento di questa promessa), seguendo un modello formalizzato ed esteso a livello nazionale ed europeo da Jobs Act e da Youth Garantee nella direzione di maggiore sfruttamento e ricattabilità, liberalizzazione definitiva del contratto a tempo determinato e dell’apprendistato, bassi salari, minori oneri per le imprese, precarizzazione strutturale;

EXPO sarà la vetrina internazionale della cementificazione selvaggia con deroghe al piano regolatore ed interi quartieri e parchi dell’area milanese trasformati e distrutti; della privatizzazione del settore pubblico tramite la costituzione di società private a capitale pubblico; degli appalti truccati con infiltrazioni mafiose; della speculazione finanziaria generatrice di debiti; del modello di alimentazione e di sostenibilità tossica con la partnership di multinazionali che devastano il territorio, danneggiano i coltivatori locali e diffondono sul mercato cibi nocivi; della relegazione della donna a ruolo di nutrice e madre, secondo un chiaro immaginario diffuso dal portale creato ad hoc “Women for EXPO“.

EXPO è e sarà tutto questo. Ma anche molto di più.

EXPO è un modello di sfruttamento, di quelle politiche fallimentari ed ingiuste che contrastiamo quotidianamente.

EXPO racchiude in sé tutti i nodi che vogliamo aggredire, dai quali vogliamo fare emergere le profonde contraddizioni, e contro i quali costruire un modello alternativo su scala europea: partendo dallariappropriazione del diritto alla città e dalla conquista dei beni comuni, dalla costruzione di una società fatta da differenze, dal sostegno attivo ai produttori locali e alle colture biologiche contro le grandi aziende e ai loro terreni di OGM, dalla riqualificazione dei percorsi formativi e dallacondivisione di saperi critici, dalla lotta per un reddito di base contro la precarietà, dall’affermazione di diritti sempre più negati, dal rifiuto del debito contro l’autoritarismo di istituzioni europee anti-democratiche, dalla battaglia per nuovi ed efficaci strumenti di welfare contro Jobs Act, Youth Garantee e ogni forma di lavoro gratuito.

Siamo consapevoli che quello che si sta configurando a Milano, in Italia, è un modello di sviluppo imposto da elites finanziarie e da organi autoritari su tutto lo spazio europeo (e non solo).

Il primo maggio EXPO 2015 aprirà le sue porte, con celebrazioni festose ed inviti altisonanti. Ma EXPO 2015 è già iniziato nei processi di sfruttamento, di immiserimento di molti e di arricchimento per pochi;  EXPO 2015 andrà avanti per mesi con dinamiche di ricaduta su altri territori. Solo se riusciremo ad intrecciare le lotte in una dimensione europea e transnazionale, solo se riusciremo a rilanciare una progettualità politica e di immaginario efficace, potremo essere all’altezza di questa sfida.

EXPO rappresenta un paradigma da svelare, da combattere e da cambiare. 

Per questo saremo a Milano il primo maggio e organizzeremo dalle nostre città la partenza in pullman, accogliendo l’appello della Rete Attitudine No Expo, partecipando allo spezzone #scioperiamoexpo, e rilanciando l’invito a costruire le giornate di mobilitazione del 29 e 30 aprile, 1-2-3 maggio, per guardare oltre.

Spazio Politico Comune

tnt no expo 2

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...