Giovanni Branciforte /pittore

bioSiciliano di nascita, inizia molto giovane a dipingere. La vocazione artistica lo porta a frequentare l’Istituto d’Arte di Siracusa. Nel 1983 si trasferisce a Bologna dove intraprende un percorso di formazione artistica ed intellettuale di alto profilo.
Nel
1992 si diploma in Pittura all’Accademia Clementina di Belle Arti con il Prof. E. Contini, e nel 1998 si laurea in Arte presso il D.A.M.S con il Prof. A. Serra.
Ha al suo attivo numerose mostre personali e collettive a Bologna, Roma, Siracusa, Ancona.
Tra le esposizioni più recenti sono da segnalare nel
2011 la personale “Trame di me” realizzata a Senigallia con il patrocinio del Assessorato alla Cultura del Comune, la collettiva “Il nostro mondo di cura“ realizzata alla Mole Vanvitelliana di Ancona in occasione del Centenario dell’Ospedale Umberto I e nel 2010 la personale “Prospettive bidimensionali” realizzata a Fano con il patrocinio della Fondazione Carifano.
Più volte le sue opere hanno ottenuto premi e riconoscimenti a livello nazionale.

Presente alla 63^ Rassegna internazionale d’arte – Premio Salvi 2013 che si sta svolgendo a Sassoferrato, alla Biennale Premio Artemisia (Rassegna nazionale di arte figurativa contemporanea) del 2010 e del 2007, alConcorso nazionale di Pittura svoltosi a Tuenno nel 1993
Attualmente vive e lavora a Jesi.
La sua pittura si basa su una
grande abilità tecnica e su una capacità compositiva dall’ originalità espressiva assolutamente attuale. Le sue opere sono “luoghi percettivi” dove oggetti e figure si muovono in una dimensione prospettica e sensoriale “inaspettata” per chi guarda.
Nicoletta Rosetti – critica d’arte – così scrive:
Quello che c’è in queste opere è una prepotente volontà grafica che porta tutto in primo piano, che squaderna l’intera immagine verso lo spettatore. I pennelli portano in primo piano linee, forme e colori schiacciandole in una visione del mondo fatta di oggetti fluttuanti in primo piano o, magari, di ambienti curvilinei che circoscrivono uno spazio semicircolare quasi claustrofobico dove lo spettatore si trova immediatamente coinvolto. …La cifra delle sue opere sta nella creazione di puzzle, nelle figure che ci appaiono come ritagliate ed appiccicate su fondi meravigliosi…”
Così si compie il
gioco dell’artista. Un’attenta osservazione della realtà e una profonda conoscenza dei meccanismi della percezione visiva accompagnate da una continua ricerca di intuizioni, sperimentazioni di tecniche e materiali formano lo stile inconfondibile di Branciforte.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...